Recensione I PINGUINI DI Mr. POPPER: Modesta commedia per famiglie con un Jim Carrey deludente.

I pinguini di Mr. Popper (Mr. Popper’s Penguins)

Anno: 2011

Genere: commedia

Regia: Mark Waters

Cast: Jim Carrey, Carla Gugino, Ophelia Lovibond, Philip Baker Hall, Angela Lansbury, James Tupper, Maxwell Perry Cotton, James Chen, Olga Merediz, Curtis Shumaker, Rafael Osorio

Nelle sale italiane: 12 agosto

Trailer ITA: http://www.youtube.com/watch?v=Ohn8X5wT9F0

Web: http://www.popperspenguins.com/main.html

Budget e Botteghino

I Pinguini di Mr Popper e’ una commedia americana uscita il 17 giugno negli Usa, mercato in cui ha finora incassato circa 63 ML di $ mentre nel resto del mondo il film e’ riuscito a spremerne altri 80 ML.

Il budget di questo film pare essere stato intorno ai 55 ML di $, ragion per cui possiamo considerare la pellicola, almeno commercialmente, un discreto successo.

Trama e Recensione

Questa modesta commedia made in Usa, che ha come protagonista Jim Carrey, lontano dalle scene per molto tempo, e che avevamo visto di recente solo in film come Yes Men, e’ stata tratta da una storia per ragazzi scritta negli anni trenta da Richard e Florence Atwater.

La trama e’ molto semplice: un ricco uomo d’affari, Mr. Popper per l’appunto, interpretato da Carrey, con alle spalle un difficile rapporto con il padre e un matrimonio fallito, e’ focalizzato solo sui soldi e sul suo lavoro finché un giorno si ritrova davanti alla porta di casa un pacco contenente un pinguino.

Da questo punto in poi Mr. Popper dovrà riconsiderare tutto ciò che dava per scontato, ristabilendo le sue priorità’ e riavvicinandosi anche ai nipotini, che come lui , si affezioneranno ai pinguini.

Evito di menzionare altri elementi della pur debole trama, ma potete immaginare di cosa tratti il film, con il personaggio di Popper che da ricco e spietato business man cambierà completamente fino a rinnegare i suoi precedenti ideali , passando da un primo momento in cui si vorrebbe sbarazzarsi dei pinguini, a un secondo in cui invece capisce che non puo’ vivere senza di loro.

Tra gli interpreti del film, oltre a Jim Carrey, troviamo anche la grande Angela Lansbury, che i piu’ ricorderanno per la fortunatissima Signora in Giallo, con la quale Mr. Popper dovrà confrontarsi per riuscire ad acquisire un terreno sul quale poi edificare selvaggiamente, ma anche in questo caso le cose non andranno come precedentemente pianificato.

L’interpretazione di Jim Carrey nel film non e’ esaltante, io poi non sono mai stato trai suoi ammiratori neanche nei momenti piu’ felici della sua carriera, e in questo film Jim Carrey forse non sfigura ma non e’ certo grazie a lui se ci divertiamo, e a parte qualche gag, e le solite smorfie a volte anche fuori luogo, potremmo definire la sua presenza come indolore, ma niente di piu’, certo un lontano ricordo, se pensiamo ai ruoli che anni addietro l’avevano reso tra i personaggi piu’ famosi di Hollywood.

I veri protagonisti del film sono quindi i pinguini, chiaramente creati al computer, che possono risultare simpatici specie per i piu’ piccoli e grazie ai quali si creano le poche situazioni divertenti di tutto il film.

Il film ha inoltre un‘ambientazione decisamente natalizia, così che non ho molto capito la scelta di far uscire la pellicola in estate, e se parlassimo solo del territorio italiano non ci meraviglieremmo neanche piu’ tanto, il punto e’che come dicevamo prima, I pinguini di Mr. Popper e’ stato distribuito all’inizio di giugno anche negli Usa come nel resto del mondo, quando probabilmente sia per i buoni sentimenti che il film emana, sia per il target prettamente per famiglie con bambini, avrebbe sicuramente trovato una collocazione migliore nei mesi invernali a ridosso del Natale.

In conclusione, se avete bambini piccoli, e non avete altro di meglio da vedere, I pinguini di Mr. Popper potrebbe essere un buon compromesso, si tratta pur sempre di una innocua commedia per bambini e famiglie, ma a parte qualche sorriso qua e là e qualche scena divertente ( sempre con i pinguini per protagonisti, Jim Carrey avrebbe anche potuto non esserci, ne’ la storia ne’ il film ne avrebbero affatto sentito la mancanza), I pinguini di Mr. Popper non ha purtroppo molto altro da offrire.

Il mio consiglio e’ quindi di aspettare che esca in Dvd, quando Natale sarà piu’ vicino, in modo da risparmiare i soldi dei biglietti per il cinema, che specie se avete una famiglia numerosa potreste davvero rimpiangere amaramente, per un film che, bambini o no, rimane comunque nel complesso abbastanza modesto.

VOTO:  

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), COMMEDIA e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...