I migliori dischi del 2010 – Recensione HALCYON DIGEST dei DEERHUNTER: Un album che rasenta la perfezione.

Halcyon DigestDeerhunter

Anno: 2010

Etichetta: 4AD

Tracklist:

01 Earthquake
02 Don’t Cry
03 Revival
04 Sailing
05 Memory Boy
06 Desire Lines          
07 Basement Scene
08 Helicopter
09 Fountain Stairs        
10 Coronado  
11 He Would Have Laughed

Recensione 

Halcyon Digest e’ l’ultimo lavoro dei DeerHunter, band americana nata circa 10 anni fa e originaria di Atlanta, Georgia, da dove arrivano anche i piu’ famosi (e secondo me ormai meno talentuosi), R.E.M.

L’album e’ uscito quasi un anno fa, per la precisione il 28 settembre 2010, ma mi sento in dovere di spendere qualche parola casomai qualcuno ancora non lo conoscesse, perche’questo disco  merita veramente, e visto che in giro per il web ho trovato sciagurate recensioni che gi davano solo 6 e mezzo, mi sembra giusto rendere invece onore                 (e giustizia) al gruppo e a questo loro spettacolare lavoro.

Le canzoni sono tutte splendide, e se il disco parte lentamente con Earthquake, sorniona ballata, cresce poi poco alla volta sia di ritmo che di qualita’, in un susseguirsi di momenti musicali irripetibili che sfociano nella quasi perfezione delle ultime tracce, dove i Deerhunter ci offrono canzoni bellissime ma anche struggenti, che continuo ad ascoltare da ormai un anno senza essermi minimamente stancato, e scoprendo ogni volta qualcosa di nuovo.

La prima canzone che ho amato e’ stata Coronado, con il suo sax che si sposa spendidamente a una fantastica chitarra e un testo che inizia con un “ I was sick, I was dead, Lay my head on the cement bed , I had a few good years, But they don’t know ” (Ero malato, ero morto, poso la testa su un letto di cemento, ho avuto qualche anno buono, ma loro non lo sanno), ma poi col tempo mi sono affezionato a tutto il disco, che, lo ripeto volentieri, e’ bello dalla prima all’ultima canzone.

Emblematico il caso di Helicopter, che le prime volte addirittura saltavo, trovandola noiosa, e che ora e’ una delle mie preferite, struggente, malinconica, dal suono quasi ovattato, e’ semplicemente una canzone bellissima: “No one cares for me, I keep no company, I have minimal needs, And now they are through with me”                                      (Nessuno si preoccupa per me, non faccio compagnia, ho bisogno del minimo, e ora sono stanchi di me) .

Non posso infine evitare di menzionare He would have laughed, degna conclusione di questo disco capolavoro, 7 minuti e mezzo caratterizzati da arpeggi che fanno sognare, d’altronde musicalmente i Deerhunter sono a dir poco superbi.

Il disco si contraddistingue poi per un suono compatto, pulito, con le bellissime chitarre della band sempre protagoniste ma, a differenza dei lavori che hanno preceduto Halcyon Digest, capaci spesso di tessere trame dal gusto decisamente piu’ soft, acustiche potremmo dire, senza per questo fare a meno dei loro fantastici assoli, come nella parte finale di Fountain Stairs ma anche in tanti altri momenti dell’album.

I Deerhunter con questo disco si confermano come una delle piu’ grandi realta’ indie rock dei giorni nostri, suggellando i gia’ bellissimi precendenti lavori, che rispetto a quest’ultimo sono un po’ piu’ duri musicalmente, ma comunque molto interessanti.

In conclusione Halcyon Digest non e’ un disco facilissimo al primo ascolto, e probabilmente non e’ per tutti, quindi non meravigliatevi se inizialmente non vi ritrovate nelle mie parole, ma se avrete pazienza, dopo qualche ascolto sapra’ rivelarvi tutta la sua bellezza e non lo lascerete mai piu’.

VOTO:  

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Entertainment, LA MIGLIORE MUSICA INDIE e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I migliori dischi del 2010 – Recensione HALCYON DIGEST dei DEERHUNTER: Un album che rasenta la perfezione.

  1. Pingback: Recensione DEERHUNTER – MONOMANIA: Un buon disco low -fi ben diverso da Halcyon Digest, ma a mio parere anche inferiore. | prossimamenteneicinema

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...