Recensione THIS MEANS WAR (Una spia non basta): Commedia un pò esagerata e per nulla realistica ma a tratti divertente.

This means war (Una spia non basta)

Anno: 2012

Genere: azione, commedia, romanzo

Regia: McG

Cast: Reese Witherspoon, Chris Pine, Tom Hardy, Chelsea Handler

Nelle sale italiane: 20 aprile

Trailer

Budget e Botteghino

This means war, costato la bella cifra di 65 ML di $, ha debuttato negli States il 17 febbraio.

Al momento gli incassi sono fermi a quota 84 ML di $.

Recensione e Trama

This means war racconta in poche parole di due agenti segreti, che un pò per gioco un pò per noia,  si ritrovano a uscire con la stessa ragazza (Reese Witherspoon) con il risultato di innamorarsene entrambi.

Non ci sarebbe nulla di originale nè di nuovo (e in effetti non è che la fantasia e l’originalità regnino sovrani in questo film, anzi), ma il brio e le trovate comiche si sviluppano grazie al fatto che essendo agenti della CIA (tanto per cambiare), hanno a disposizione un intero arsenale e le tecnologie più sofisticate… che useranno per spiarsi a vicenda e contrastarsi l’uno con l’altro in questa”competizione”.

Oltre a Reese Witherspoon nel ruolo di Lauren, la ragazza che fa invaghire entrambi i giovani, nei panni dei due agenti CIA giocherelloni (quanto improbabili), troviamo Chris Pine nel ruolo di FDR Foster e Tom Hardy in quello del suo collega inglese Tuck, e per citare un nome nuovo, non dimentichiamoci di Chelsea Handler, che interpreta un’amica mangiauomini di Lauren dedita a spronarla e a darle consigli su come gestire la situazione.

Che dire di questa commedia sui generis?

Ho letto recensioni entusiaste sull’Imdb database, con le quali non posso che trovarmi in disaccordo.

Probabilmente se avete 13 anni troverete questo film stimolante e molto divertente, ma nel caso abbiate già passato la maggiore età, non potrete fare a meno di notare le tante discrepanze tra la storia e la realtà, che spesso rendono abbastanza inverosibile il tutto.

La ricostruzione dell’ambiente lavorativo è poi così ridicola che persino un ufficio statale italiano appare più produttivo al confronto di quello della CIA che vediamo in This means war.

Non credo le cose vadano proprio così nella vita di tutti i giorni.

Ciò nonostante, se eviterete un’attitudine troppo critica, ma vorrete semplicemente passare un paio d’orette in compagnia di un film leggero, molto leggero, con un pò d’azione e qualche momento comico, non escludo che possiate lasciare la sala soddisfatti e divertiti, in quanto This means war offre onestamente diversi spunti per far sorridere il pubblico.

De gustibus non disputandum est, ma io più di 6 non mi sento proprio di darglielo.

VOTO:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), COMMEDIA, Entertainment e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...