Recensione ACT OF VALOR: Film perfetto se volete arruolarvi nell’esercito o siete amanti dei giochetti sparatutto, ma il resto del mondo? Dubito apprezzerà.

Act of Valor

Anno: 2012

Genere: azione, avventura, thriller

Regia: Mike McCoy, Scott Waugh

Cast: Alex Veadov, Roselyn Sanchez, Nestor Serrano

Nelle sale italiane: 4 aprile

Trailer ITA

Budget e Botteghino

A fronte di un budget di circa 12 ML di $, Act of Valor ha incassato finora una cifra di poco superiore ai 70 ML di $.

Recensione e Trama

La peculiarità di questo film, rispetto a tanti altri appartenenti allo stesso genere, dovrebbe essere quella di aver ingaggiato membri dell’esercito americano al posto di attori veri e propri, il tutto per arricchirlo di un gusto particolare che dovrebbe farci provare da vicino le emozioni di una vera azione di guerra e per conferire un senso di realtà ancora più profondo.

Se da una parte forse la pellicola riesce in qualche modo a garantire questa visione in prima linea della guerra e dei mezzi tecnologici che la caratterizzano al giorno d’oggi, allo stesso tempo ovviamente i dialoghi ne risentono, e non poco visto appunto l’utilizzo di militari che nulla hanno a che fare con il mestiere dell’attore.

La storia si sviluppa raccontando le gesta di un gruppo speciale di Navy Seals impegnati nel salvataggio di un agente della Cia rapito, e tutto il film è però basato più sulle manovre di guerra che sui fatti che le fanno da contorno, come da intenzioni del regista.

La camera spazia tra sparatorie senza fine che vediamo in prima persona (nel senso che molto spesso è come se sparassimo noi stessi, avendo il punto di vista dei soldati) e il 90% delle scene ha come protagoniste attentati, agguati, scene di guerra viste da complicati marchingegni di supporto, lancio di soldati dagli aerei, abbordaggi via barca e ancora armi, missili, mitragliatrici e chi più ne ha più ne metta.

Giustamente voi direte, è un film di guerra, cosa ti aspettavi di vedere, bambini che mangiano gelati alla fragola seduti sulle panchine al parco?

Vero, ma credo che i film di guerra possano essere rappresentati in bel altro modo che quello scelto dal regista di Act of Valor, dove la tag-line che vedete sulla locandina è proprio “Questo non è un gioco, è una guerra vera”, quando invece l’impressione che si ha vedendo il film è esattamente quella di trovarsi in un bel giochetto sparatutto.

Non nascondo che alcune azioni di guerra siano fatte molto bene, ma dopo un pò il film semplicemente annoia, è tutto uno sparo continuo, ripeto, a meno che non siate dei fanatici dell’esercito o dei folli giocatori di videogames.

Insomma se vi piacciono i film di guerra credo ce ne siano davvero di migliori in giro (Saving Private RyanFull Metal Jacket per fare i nomi più scontati), magari datati ma sicuramente di livello rispetto a questo tentativo che ritengo piuttosto goffo (e non mi soffermerò a parlare del patriottismo senza fine che ovviamente pervade il film e che non credo sia certo un punto a favore).

In conclusione, se non fate parte delle categorie citate nel titolo, questo film davvero non fa per voi.

VOTO:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), Entertainment e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...