Recensione L’AMORE FA MALE: Una scopiazzatura mucciniana di dubbio valore.

L’amore fa male (Se ami non puoi tradire)

Anno: 2011

Genere: drammatico, sentimentale

Regia: Mirca Viola

Cast: Stefania Rocca, Paolo Briguglia, Nicole Grimaudo, Diane Fleri, Stefano Dionisi

Nelle sale italiane: 7 ottobre 2011

Trailer

Budget e Botteghino

Quasi inutile persino menzionarlo, il budget di questo film è sconosciuto ai più e forse persino a coloro che vi hanno partecipato.

Inizio a pensare che nei documenti segreti di Hassange ci siano anche tutti i dati dei budget dei film italiani, altrimenti dove trovarli?

Nessuno lo sa, e coloro che hanno visto, non sono più qui per raccontarcelo…

Cercando qui e là ho però trovato gli incassi del primo fine settimana di programmazione, pari a circa 60 mila euro.

Recensione e Trama

Scusate se ultimamente sto dando maggiore spazio ai film italiani, e per di più di dubbia qualità, ma ogni tanto anche a me viene voglia di vedere un film nella mia lingua madre, non foss’altro per rilassarsi.

Certo dal titolo si poteva facilmente evincere che non si sarebbe trattato di un capolavoro, io però amo sbattere la capoccia contro il muro (come mi si diceva quando ero più piccino) e le cose non sono cambiate ahimè.

Questo film narra le storie incrociate di alcune coppie e/o famiglie, tutte abbastanza benestanti (parlare di persone povere fa triste e dicono che la gente vuole ridere de ‘sti tempi, quindi), tutte disegnate tra gli stereotipi più classici, lui è sposato con lei ma in realtà è gay dall’85 e non l’ha mai voluto svelare a sua moglie, oppure lei (Stefania Rocca, sempre brava) giovane madre che ha sempre sognato di diventare un’attrice, e innamoratasi di un uomo sposato, continua a vivere in una casa da lui pagata con sua figlia.

Poi chiaramente c’e’ qualche storia di corna e qualche casualità che farà incontrare e connettere dei personaggi tra di loro (non vi racconto tanto in quanto il film è anche molto prevedibile), ma insomma spero abbiate un’idea di quello che potete aspettarvi.

A dispetto di una trama che come dicevamo non lascia molte sorprese, di cui è responsabile la stessa regista, una volta incoronata anche Miss Italia, titolo che poi le venne revocato perchè era già sposata, il film se non avete grandi aspettative si lascia comunque vedere, rappresentando sì personaggi spesso patetici, ma che trovo ormai attuali nell’Italia di oggi, quindi non lamentatevi più di tanto.

La regia è quella che è ma se volevate un film con inquadrature mozzafiato allora vedetevi The Tree of Life se ci riuscite.

In conclusione diciamo un tentativo di imitazione simil mucciniano, nel bene e nel male.

VOTO:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), cinema italiano, Entertainment e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...