Recensione A.C.A.B. – All Cops Are Bastards: Un film politicamente scorretto che dà un spaccato interessante su una realtà a volte poco conosciuta.

A.C.A.B.: All Cops Are Bastards

Anno: 2012

Genere: azione, crimine, dramma

Regia: Stefano Sollima

Cast: Pierfrancesco Favino, Filippo Nigro, Marco Giallini, Roberta Spagnuolo, Andrea Sartoretti, Domenico Diele

Nelle sale italiane: 27 gennaio

Trailer

Budget e Botteghino

Pare che nonostante la fama del regista e l’argomento di sicura presa specie sui più giovani, questo film non abbia fatto grandi cose al botteghino.

Costato una cifra di circa 5 ML di $, ad ora gli incassi sono fermi a poco meno di 3 ML.

Recensione e Trama

A.C.A.B. – All Cops Are Bastards è un film abbastanza duro quanto tirato che racconta la vita e le vicessitudini di un gruppo di cellerini romani.

Gli attori sono facce ormai molto conosciute del cinema italiano, come Giallini, Favino, Nigro e il Sartoretti che già avevamo apprezzato in Romanzo Criminale, serie diretta poi dallo stesso regista di questo film abbastanza controverso.

Il film inizia con Favino che su uno scooterone nella periferia romana canta “cellerino figlio di puttana”, (cosa per lo meno curiosa interpretando lui stesso un cellerino, ma immagino l’ironia sia necessaria viste le volte che se la sentono cantare) e fin dai pimi minuti, le storie che si intrecciano sono capaci di tenerci incollati alla poltrona, grazie a una trama molto dinamica e al sopracitato ottimo gruppo di attori.

Il film racconta in maniera credo abbastanza verosimile le loro gesta, e ci mostra i protagonisti impegnati nel servizio di sicurezza allo stadio come in altre occasioni dove li vediamo spesso reagire con la forza alle provocazioni del volgo, prendendo anche il tempo per svelare le loro storie private, le loro famiglie, i loro sogni, le loro idee su questa Italia che cambia alla velocità della luce, preda di albanesi e romeni e dei loro sopprusi.

Sopprusi a cui i nostri eroi risponderanno più volte con la violenza, a volte giustificata, a volte meno, e con razzismo che spesso affiora nel film, e che purtroppo descrive abbastanza bene una certa realtà dei giorni nostri.

Nel gruppo di cellerini ha grande rilievo l’arrivo di Adriano, giovane coattello di strada romano, che dovrà fare i conti con il resto del gruppo e i loro ideali, e che verso la fine porterà a sviluppi addirittura drammatici.

Non voglio esprimere un parere sul contenuto di questo film o sul suo ipotetico messaggio, perchè, pur essendo una banalità è pur vero che non si dovrebbe mai generalizzare, però posso sicuramente consigliare A.C.A.B. a tutti coloro che amano questo genere di film, in quanto l’azione non manca, l’intrattenimento men che mai e nel complesso, d’accordo o meno sullo spaccato descritto da Stefano Sollima, A.C.A.B. – All Cops Are Bastards rimane a mio giudizio davvero un buon film, che se non avete ancora visto consiglio vivamente.

VOTO:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), cinema italiano, Entertainment e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...