Recensione CHERNOBYL DIARIES – LA MUTAZIONE: Oren Peli questa volta non convince.

Chernobyl Diaries (La Mutazione)

Anno: 2012

Genere: horror

Regia: Bradley Parker

Cast: Jesse McCartney, Jonathan Sadowski, Olivia Dudley, Ingrid Bolsø Berdal, Dimitri Diatchenko

Nelle sale italiane: 20 giugno

Trailer

Budget e Botteghino

Non pare essere stato reso disponibile ai più il budget di questo film, che immagino comunque sia molto basso, mentre possiamo menzionare gli incassi che al momento sono di circa 19 ML di $.

Recensione e Trama

Dopo aver contribuito alla riuscita, insieme a James Wan, di uno dei migliori film horror del decennio (Insidious ovviamente), e ancora prima aver creato la fortunatissima saga di Paranormal Activity, ecco di ritorno il piccolo genio del male con un film scritto interamente da lui.

Se già non l’avete visto, ve lo dico subito, i paragoni con le precendenti opere di Peli non reggono per questo film che ammicca a diverse pellicole recenti, e che, pur presentando alcuni momenti di suspence, non riesce a convincere fino in fondo.

La storia di Chernobyl Diaries narra di un gruppo di giovani americani in giro per l’Europa, che dopo aver visitato le mete più ovvie, decidono, con l’aiuto di un’agenzia di viaggi locale, di cercare un pò di avventura e di partecipare a un tour sulle rovine di Chernobyl (Ukraina), città fantasma (e per di più pericolosamente radiottiva).

Ai baldi giovani tutto ciò non interessa e non vedono l’ora di fare foto e filmini in quei desolati paesaggi (m’immagino che gran divertimento…) quando sorpresa sorpresa, le cose si mettono male (un classico, la macchina non parte e devono rimanere là tutta la notte), per poi scoprire che il posto che doveva essere tanto desolato e disabitato in realtà non lo è affatto.

Cosa troveranno i poveri giovani?

Spacciatori? Homeless ripudiati dalla società?

No, chiaramente avremo i soliti omini deformati da radiazioni già visti in tanti film e aggressivi come squali bianchi, con i quali i nostri eroi dovranno fare i conti per cercare di sopravvivere.

A parte la trama che di per sè è abbastanza improbabile e spesso poco credibile, la chiave di questo film sta nel fatto che non si vede quasi nulla, le immagini volutamente occultano i mostri per la quasi totalità della pellicola, e se da un certo punto di vista questo fattore contribuisce nel creare una certa suspence per buona parte della pellicola, dall’altra lascia un senso di insoddisfazione diffuso che rovina un pò il tutto.

Fossimo negli anni 70 magari Chernobyl Diaries sarebbe acclamato come un film sensazionale e originalissimo, ma avendo già visto decine e decine di film nello stesso stile negli ultimi anni, la reazione più comune sarà invece di fastidio e delusione, sentimenti che non posso che condividere.

Il finale poi sembra proprio fatto di fretta, e mi vengono subito in mente gli sceneggiatori di Boris che inventano cazzate.

In sintesi Chernobyl Diaries si può anche vedere se siete appassionati del genere, ma non date loro denaro che assolutamente non meritano, altrimenti continueranno a propinarci di tutto e di più senza vergogna come già stanno facendo da diverso tempo, e film come questo, costati quanto una settimana alle Canarie, poi incassano 20 milioni di $ e non mi sembra giusto.

VOTO: 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), Entertainment, HORROR e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Recensione CHERNOBYL DIARIES – LA MUTAZIONE: Oren Peli questa volta non convince.

  1. anya78 ha detto:

    perchè invece il suo apporto al telefilm the river…. u.u

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...