Recensione COMIC MOVIE (MOVIE 43): Un film assurdo, imbarazzante, indegno, incredibile, disgustoso, surreale, demenziale all’ennesima potenza, ma che nella sua follia a volte quasi fa ridere. Per molti, il peggior film di sempre.

movie-43- comic movie   poster locandina

U.S.A.

Comic Movie (Movie 43)

Anno: 2013

Genere: commedia

Regia: Bob Odenkirk, Elizabeth Banks, Steven Brill, Steve Carr, Rusty Cundieff , James Duffy, Griffin Dunne, Peter Farrelly, Patrik Forsberg, Will Graham, James Gunn, Brett Ratner, Jonathan van Tulleken

Cast: Seth MacFarlane, Hugh Jackman, Kate Winslet, Emma Stone, Richard Gere, Elisabeth Banks, Naomi Watts, Liev Schreiber, Anna Faris e molti altri sciagurati attori di primo livello

Nelle sale italiane: 29 agosto

Trailer ITA

Budget e Box Office

Questo film a episodi difficile da classificare per tante ragioni, e che vanta un cast di grandi nomi, non è poi costato molto, in quanto pare che il budget si aggiri sui 6 ML di $, mentre al momento gli incassi già raggiungono i 30 ML di $ (che poi molti degli spettatori abbiano chiesto i soldi indietro o se ne siano andati a metà film, è un ‘altra storia).

Recensione e Trama

Non so davvero come comportarmi dinanzi a questo film che certo non si può definire politically correct, semmai l’esatto contrario, con in più una sana vena di follia e demenza.

Appena cominciata la visione, guardavo spaurito la mia adorata ragazza, con un espressione che più o meno diceva ” oh mio Dio, ma questi hanno davvero fatto un film del genere?Non è possibile!!”.

Invece è possibile, eccome…

Il continuo susseguirsi di attori famosi, non faceva altro che accrescere il mio stupore di fronte a un film che molti troveranno forse anche offensivo, mentre la maggior parte del pubblico credo che semplicemente lo catalogherà come idiota, senza senso, stupido.

In qualche modo l’humour del film sembrerebbe essere simile a quello demenziale di pellicole come Scarry Movie (pessimo l’ultimo capitolo che pur avendo visto non credo recensirò, in quanto non ne vale davvero la pena), ma se vogliamo Movie 43 (tradotto invece in italiano come Comic Movie, il che fa perdere anche senso, quel poco che ha, alla trama), si spinge addirittura oltre, esplorando i confini della demenza e della follia, con storie spesso disgustose, se non almeno di cattivo gusto, che come dicevamo ai più (giustamente) sembreranno folli.

La trama si basa su un gruppo di adolescenti, che per fare uno scherzo a un coetaneo, si inventano l’esistenza di un film vietatissimo (Movie 43 per l’appunto) e quasi impossibile da trovare su internet, che invece poi scoprono esistere davvero, e da qui si snodano le diverse storie, che quasi nulla hanno a che fare tra di loro e raccontano degli argomenti più disparati.

Basta premesse, per darvi un ‘idea, vediamo la trama di alcune delle storie che troveremo in questo film (chiamiamolo così).

Il primo episodio, che annovera niente meno che Hugh Jackman e Kate Winslet, inizia mostrando una copertina di un magazine, che ha come soggetto per l’appunto il personaggio di Jackman, e la domanda che titola a grandi lettere è “come mai questo fantastico uomo è ancora single?”.

La risposta l’avremo quando il personaggio della Winslet incontra a cena quello di mister Wolverine, e con sua grande sorpresa (ma anche nostra), scopre che il bel fusto, appena tolto l’elegante foulard, ha appesi al collo un bel paio di palle (testicoli per i più educati) che ciondolano tranquillamente manco fosse un galletto.

La cosa assurda, e che riesce in qualche modo a far ridere, dopo la sorpresa o meglio lo shock iniziale, è che nessuno, né i camerieri, né gli amici di lui che arrivano in un secondo momento, sembrano notare o farsi problemi della suddetta stranezza, sicché potete immaginare l’espressione della Winslet quando i due si devono fare una foto insieme e lui le striscia gli zibedei sulla guancia, o quando il bel fusto con doppie palle posa con un bimbo e gli appoggia letteralmente gli attributi in testa, o scendendo ancora più in basso, quando gli casca un pelo nella zuppa sempre dalle pelotas e lo vediamo mangiarlo con gusto mentre la Winslet segue il tutto con orrore e disgusto.

Non vi basta?

Si tratta solamente del primo episodio.

In un altro, troveremo una coppia di fidanzati, e la storia ruota attorno alla simpatica biondina Anna Faris (quella di tanti film comici, tra cui anche Scary Movie) che propone al suo ragazzo, visto che si amano tanto, di farle la cacca addosso, sicché lui discuterà con i suoi amici di cosa mangiare prima dell’evento, per renderlo unico, e per non sbagliare si prenderà una massiccia dose di lassativi…

Nell’episodio con Richard Gere troviamo invece un gruppo di progettisti che discutono della loro recente invenzione, l ‘ Ibabe, in pratica una bambola che sembra vera con tanti gadgets alla iphone ma che ha il difetto di avere una ventola nella vagina che puntualmente smembra gli organi sessuali di coloro che ci infileranno il pisello.

Insomma, ci sarebbe molto altro da dire, ma credo che gli esempi qui sopra bastino a darvi un’idea, certo io vi sconsiglio di pagare il biglietto del cinema per vedere questo strano esperimento cinematografico, (chiamiamolo così in modo carino), e molti di voi lo schederanno come il peggior film mai visto negli ultimi 60 anni (e come darvi torto) ma se non altro per la vecchia legge di Aiazzone, quella del “provare per credere”, se avete un buono stomaco e siete molto molto aperti, uno sguardo dateglielo pure, male che vi vada rimarrete stupiti, seppur dubito sarà in maniera positiva.

VOTO: x

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), COMMEDIA, Entertainment e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Recensione COMIC MOVIE (MOVIE 43): Un film assurdo, imbarazzante, indegno, incredibile, disgustoso, surreale, demenziale all’ennesima potenza, ma che nella sua follia a volte quasi fa ridere. Per molti, il peggior film di sempre.

  1. Alessio ha detto:

    Solito, quando finalmente producono qualcosa di veramente diverso che le solite cazzate x far soldi arrivano le critiche saccenti di chi vorrebbe tutti i film tristemente e moralmente uguali.
    Schifezze come Battleship et similia nn dovrebbero mai esser prodotte.
    Bellissimo film, idea fuori dale righe, regia geniale, ho riso come un pazzo da”inizio alla fine. Auguri.

  2. Gianluca ha detto:

    Francamente, fatta eccezione per poche sequenze (il finale della scena del supermercato e la campagna di sensibilizzazione per le macchine), non mi è piaciuto. L’ idea di fondo, dell’ esistenza del “video 43” era simpatica, ma poteva essere sviluppata meglio, così come i collegamenti con le altre “storie”, sembrano troppo forzate e a volte non c’è neanche un reale motivo per passare da un corto, all’altro. L’unico episodio in cui si vede più impegno è quello del Basket, ironico e divertente, ma per il resto, mi spiace dirlo, ma mi sono annoiato a morte.
    Tra l’altro, non vedo il motivo di inserire il corto del gatto, dopo i primi titoli di coda….
    Peggior film di sempre? Assolutamente no. Sembrano piuttosto corti fatti per perdere il tempo e messi in circolazione per caso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...