Recensione SOTTO ASSEDIO (WHITE HOUSE DOWN): Le emozioni forse non mancano, ma avevamo già visto Attacco al potere – Olympus Has Fallen, che è praticamente uguale, anzi persino un pò meglio.

white-house-down-poster locandina

U.S.A.

White House Down

Anno: 2013

Genere: azione, dramma, thriller

Regia: Roland Emmerich

Cast: Channing Tatum, Jamie Foxx, Maggie Gyllenhaal, James Woods, Richard Jenkins

Nelle sale italiane: 10 ottobre

Trailer ITA

Budget e Box Office

Costato ben 150 Ml di $, al momento la nuova maldestra creatura di Emmerich ne ha incassati solo 82,5.

Recensione e Trama

Confesso di aver sorriso felice quando ho scoperto, poco prima di iniziare la visione, che White House Down era diretto da Roland Emmerich, un nome che molti forse non conoscono ma che ben ricordavo si celasse dietro ad alcuni dei film più catastrofici e spettacolari degli ultimi anni.

Molti infatti schifano i film di questa lega, ma non mi vergogno di dire che a me in generale piacciono, sono una vera e propria festa per gli occhi (a cervello spento), così come l’ultimo suo lavoro, il 2012 che stando a quanto aveva promesso il regista avrebbe dovuto chiudere la sua personale sequela di film catastrofici.

Promessa mantenuta, e seppur anche qui tutto viene distrutto in maniera trionfale (questa volta tocca alla Casa Bianca, come potete facilmente dedurre dal titolo e dalla locandina), Emmerich ha provato in qualche modo a cambiare genere, seppur, mi spiace dirlo, forse sarebbe stato il caso di avere tra le mani una sceneggiatura originale, invece di una copia fatta male e simile fino al ridicolo a Olympus Has Fallen, che già non è che fosse un granché come film.

Come se non bastasse, il protagonista, che poi sarebbe quel bambacione di Channing Tatum, presenta le stesse caratteristiche di quello di 2012, cioè un padre separato, che non ha un gran rapporto con i figli, che lo chiamano per nome invece di papà e altri stereotipi che non sto neanche a citare.

La storia racconta quindi di Cale (Bambacione Tatum), che con la speranza di avere un posto come guardia privata del presidente degli US, coglie l’occasione di portare la sua figlioletta, appassionata della Casa Bianca fino alla nausea, a visitare la famosa residenza presidenziale.

Il colloquio non va proprio come il bambacione avrebbe sperato, ma l’arrivo di un gruppo di terroristi che mette un bombone nella cupola principale, è un ‘occasione servita su un piatto d’argento per riscattarsi, salvare la figlioletta, e anche ovviamente salvare la vita al presidente degli Stati Uniti (il Jamie Foxx che nell’ultimo film di Tarantino era uno schiavo, ha fatto tanta strada anche lui).

Per il resto, il film, che dura più di due ore, sicuramente non manca d’ intrattenerci, ma come menzionavo nel titolo le similitudini con Olympus Has Fallen sono davvero troppe, tanto che se vedete il film ubriachi, potreste pensare di averlo già visto, e in parte avreste ragione in quanto vedendo prima Olympus Has Fallen si ha una forte sensazione di dejà-vù.

Detto questo, aggiungetevi il nauseabondo patriottismo americano tipico dei film di Emmerich, la totale mancanza del verosimile e avrete un quadro completo in merito a quello che vi aspetta.

Da parte mia quindi un bel pollice verso per questo blockbuster visto e rivisto e senza sorprese.

VOTO: 5

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in AZIONE, CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), DRAMMA, Entertainment, THRILLER e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...