Recensione C’ERA UNA VOLTA UN’ESTATE (The way way back): Un film mediocre, poco verosimile, scontato.

way_way_back poster locandina c'era una volta un'estate

U.S.A.

C’era Una Volta Un’ Estate (The Way Way Back)

Anno: 2013

Genere: dramma, commedia

Regia: Nat Faxon, Jim Rash

Cast: Steve Carell, Toni Collette, Allison Janney, AnnaSophia Robb

Nelle sale italiane: 5 dicembre

Trailer ITA

Budget e Box Office

Con un budget stimato in poco meno di 5 ML di $, al momento il film ne ha già incassati 23.

Recensione e Trama

Cominciamo dicendo che questo film, presentato al Sundance festival, e acclamato dal pubblico, ha buone recensioni un pò ovunque, con un voto medio sull’Imdb database di 7,6.

Di norma, i film che hanno medie superiori al 7 sono perlomeno discreti, e quando si avvicinano all’8 si tratta spesso di buoni film, originali, che lasciano un segno, o per lo meno che si distinguono dalla marmaglia di cui invece fanno parte milioni di filmacci di ogni genere da tutto il mondo.

A mio modesto parere, questo The Way Way Back (tradotto molto liberamente in C’era una volta un’estate, ma qualsiasi titolo a questo punto sarebbe andato bene), è un ottimo esempio di eccezione alla regola appena citata.

La storia narra di una ragazzino 13enne timido (Duncan), che con la mamma, il nuovo compagno Trent che di certo non lo apprezza (interpretato da Steve Carell, deformato e gonfiato manco fosse il figlio di Stallone) e la giovane figlia di lui, vanno in vacanza tutti insieme.

Il ragazzino ha problemi di adattamento, non viene cagato da nessuno, e inizia a errare in questa cittadina vacanziera da solo, finché non finisce in un parco di giochi acquatici, dove fa la conoscenza del proprietario, con cui inizia a stringere una forte amicizia.

Veniamo ora ai punti che mi hanno fatto pensare a come questo film fosse falso, inverosimile e anche un pò fastidioso:

1) Perché mai il gestore di una parco acquatico dovrebbe affezionarsi a un ragazzino, per di più poco interessante e timido, quando è già circondato da anni da fastidiosi marmocchi della stessa età (e il gestore non è un pedofilo, altrimenti avrebbe anche senso)?

2) Perché mai una ragazzina carina dovrebbe essere interessata al giovane fagiano timidone, quando costui non dà alcun segnale di neuroni presenti nel suo cervello, ma al contrario pare un ritardato?

3) Perché il gestore (Sam Rockwell) ha praticamente la stesa voce di Owen Wilson, e gli assomiglia anche parecchio, ma non fa mai ridere (anche Owen Wilson fa ridere poco, ma sempre più di questo)?

4) Non c’entra nulla col film in sè, ma che bisogno aveva Steve Carell di gonfiarsi in manera così ridicola con tutti quei muscoli (o sono finti anche quelli come tutto il film)?

Detto questo, onde evitare che pensiate che sia un cinico, cosa magari anche vera, voglio che sappiate che in genere, pur con la mia età ormai vicina agli anta, mi piacciono quasi sempre i film che trattano di adolescenza etc, mentre questo invece mi ha davvero deluso, non mi ha mai divertito né mi sono mai sentito coinvolto dalla trama e dai suoi personaggi.

In conclusione non fatevi intortare, questo film non vale molto.

VOTO: 5

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), COMMEDIA, DRAMMA, Entertainment e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Recensione C’ERA UNA VOLTA UN’ESTATE (The way way back): Un film mediocre, poco verosimile, scontato.

  1. anna ha detto:

    Sarai vicino agli “anta” ma con questa acida recensione dimostri in pieno di essere ancora un minorenne (o minorato ?). Ma ti pagano per scrivere queste fesserie rancorose ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...