Recensione I DUE VOLTI DI GENNAIO (The Two Faces of January): L’ambientazione è l’aspetto più interessante, per il resto, sulla media.

two_faces_of_january_ i due volti di gennaio poster locandina

U.S.A.

I Due Volti Di Gennaio (The Two Faces Of January)

Anno: 2014

Genere: thriller

Regia: Hossein Amini

Cast: Viggo Mortensen, Kirsten Dunst, Oscar Isaac

Nelle sale italiane: 9 ottobre

Trailer ITA

Budget e Box Office

Non si conosce il budget mentre gli incassi hanno appena superato i 4 ML di $.

Recensione e Trama

Non voglio subito smontare questa pellicola, peraltro certamente dignitosa, ma se parliamo di thriller, persino io che non sono mai stato un appassionato del genere non è che sia rimasto particolarmente impressionato da questo film.

Gli attori sono bravi, e come menzionato nel titolo credo che l’ambientazione anni 60 sia molto riuscita, dando così particolare fascino al film, ma sia chiaro, non aspettatevi emozioni o colpi di scena inaspettati in quanto qui non ce ne sono, e per tale ragione non capisco perché sia stato inquadrato come thriller, ma sono tante le cose che non capisco, capoccione che non sono altro.

La pellicola, adattata dallo stesso regista prendendo spunto dall’omonima novella originale scritta da Patricia Highsmith, racconta di una coppia di americani (Viggo Mortensen, Kirsten Dunst), in viaggio ad Atene nel 1962, che si imbatte in una guida turistica, anch’essa americana, interpretata da Oscar Isaac di A Proposito di Davis e Drive, e prosegue il loro viaggio tra Grecia finché le cose si mettono male per Chester Macfarland, il personaggio interpretato da Viggo Mortenses, e i 3 si mettono in fuga fino a raggiungere la Turchia.

Come al solito mi limito molto a livello di trama anche perché già i trailer avranno sbandierato tutto e anche più di quello che c’era da sapere.

Tornando al film, che pare da molti sia stato paragonato alle pellicole di Hitchcock, ripeto, la fotografia è molto bella, gli attori non sono da meno, ma pur essendo scorrevole la storia non mi ha emozionato affatto, non presentando in sè elementi di particolare rilievo che possano essere degni di nota.

Non una bocciatura la mia, ma un consiglio, vedetelo se vi piace il genere e in particolare i film con ambientazioni storiche, ma non aspettatevi quello che tutti promettono nei trailer, tipo “pura suspense dal primo all’ultimo fotogramma” (The Telegraph) perchè si tratta di emerite cazzate.

 

VOTO: 6

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CINEMA (Tutti i film recensiti su prossimamenteneicinema), Entertainment, THRILLER e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...